giovedì 17 gennaio 2019

Sede Centrale - Pellegrinaggio in Terra Santa

In riferimento a quanto reso noto col comunicato n.171 del 20/12/2018, contrariamente a quanto divulgato, col comunicato n. 9/2018 la Sede Centrale UICI rende noto che, considerato l’elevato interesse suscitato, ma le poche iscrizioni dovute alla stringente  tempistica, il Pellegrinaggio in oggetto è stato rinviato al prossimo mese di settembre 2019. Esattamente dal 12 al 19 settembre 2019.

Volendo rendere il viaggio maggiormente fruibile si cercherà di realizzare un gruppo non molto numeroso, per cui  le prenotazioni saranno accettate fino a riempimento dello stesso.

Per formalizzare la propria partecipazione sarà necessario inviare una mail all’indirizzo info@terresante.org Inserendo nome e cognome del partecipante, eventuali accompagnatori, aeroporto di partenza e copia del bonifico dell’acconto.

Per ogni ulteriore informazione, si rinvia alla consultazione del comunicato in oggetto all’url di seguito riportato; all’interno della pagina è altresì presente il link per il download del file .zip contenente il comunicato stesso ed i relativi allegati

Fumetti e altre storie, da gustare in voce

Superando.it del 11-01-2019

«Prendendo atto che i fumetti per definizione non sono facilmente fruibili da chi non vede, abbiamo creato un radiodramma che racconti le storie come nei fumetti, usando effetti audio, dialoghi e descrizioni al posto delle immagini»: così Elena Brescacin e Germano Carella, persone non vedenti, appassionate di racconti di fantasia, libri e serie TV, raccontano la più recente iniziativa di DramaBooks, Associazione che crea audiolibri, audioracconti e poesie sceneggiate, in un’ottica di collaborazione tra attori, registi, effettisti, speaker e sceneggiatori con e senza disabilità visiva.

«Siamo due persone non vedenti, appassionate di racconti di fantasia, libri e serie TV»: si presentano così Elena Brescacin, Inclusive Designer per professione – letteralmente “progettista di inclusione” – e con la passione per i blog, e Germano Carella, sviluppatore di mestiere e attore professionista diplomato all’Accademia di Arti Drammatiche Pietro Scharoff, nonché fondatore dell’Associazione Culturale DramaBooks che si occupa di creare audiolibri, audioracconti e poesie sceneggiate, in un’ottica di integrazione e collaborazione tra attori, registi, effettisti, speaker e sceneggiatori con e senza disabilità visiva.

Così spiegano il loro più recente progetto: «Prendendo atto che i fumetti per definizione non possono essere resi facilmente fruibili da chi non vede, abbiamo avviato un esperimento: creare un voice comic [letteralmente “fumetto in voce”, N.d.R.], un radiodramma che racconti le storie come nei fumetti, usando effetti audio, dialoghi e descrizioni al posto delle immagini. In più è in fase di studio un protocollo per poter inserire anche le vignette e il testo scritto, in modo da rendere voice comic e audioracconti più vicini al fumetto e soprattutto permettendone la fruizione in un contesto più inclusivo possibile».

«DramaBooks – proseguono – ha già recitato alcune poesie, una storia di Sherlock Holmes e alcune favole di Trilussa, mentre dal novembre scorso, quando cioè abbiamo iniziato a collaborare insieme, è stata inaugurata la Sezione Drama crime, con L’uomo giusto, racconto scritto dall’autrice Annalisa Rizzi, che ci ha dato il via libera per sceneggiarlo. In dicembre, infine, siamo partiti con un contenuto “DramaBooks original”, ovvero Giangi Bombatomica, un supereroe “diversamente in forma”, che nascosto a casa di un amico, usa la rete internet per stanare e neutralizzare i cattivi del web: odiatori, bulli digitali, criminali informatici. Si tratta di un voice comic che si propone di portare l’educazione digitale in una dimensione un po’ più appetibile rispetto a tante lezioni, convegni e pubblicità progresso, ovvero facendo riflettere e divertire allo stesso tempo».

Giangi Bombatomica è stato ideato da Elena Brescacin ispirandosi a una canzone di Elio e le Storie Tese, con Germano Carella nella parte del protagonista e la voce narrante di Francesco Vercillo, speaker radiofonico con esperienza anche in RAI, «che con grande empatia – spiegano i promotori dell’iniziativa – descrive le scene come un occhio sempre pronto a fare al lettore la telecronaca di quanto accade, come se fosse lui lì presente vivendo la scena; altri attori, poi, interpretano le parti dei vari personaggi protagonisti, mentre tramite i programmi di montaggio audio, si includono le musiche e gli effetti, come fosse un vero e proprio film realizzato solo con la voce».

«Insieme a DramaBooks – concludono Brescacin e Carella – la nostra ambizione è quella di far crescere il settore del voice comic e del racconto sceneggiato, riuscendo a creare sottoforma di radiodramma anche altre realtà come Dylan Dog e altri super eroi più o meno simpatici, nonché permettere ad altri autori indipendenti di racconti, di far conoscere le proprie opere con una modalità nuova». (S.B.)

Per riuscire a sviluppare questa meritoria iniziativa, è stata anche avviata una raccolta fondi nel web, che sarà attiva fino al 26 marzo (a questo link: http://tinyurl.com/voicecomic oppure a questo link: http://tinyurl.com/fb-voicecomic). Per poter invece ascoltare le opere già realizzate nell'ambito del progetto di DramaBooks, accedere al sito di quest’ultimo, dove si potrà scegliere la sezione di maggiore interesse.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@dramabooks.it.

RFI, salgono a 26 le stazioni servite dal circuito delle sale blu

Terzobinario.it del 16-01-2019

Salgono a 300 le stazioni ferroviarie gestite dalle 14 Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane).

È questo l’effetto dell’ampliamento del circuito di assistenza per le persone con disabilità e a ridotta mobilità, anche temporanea, che prende il via oggi, con 20 nuovi scali serviti, in 12 Regioni. Un ulteriore segno dell’attenzione del Gruppo FS Italiane verso le esigenze dei viaggiatori, con lo scopo di migliorare la qualità del viaggio e la vita di milioni di persone che ogni giorno utilizzano il treno.

“L’ampliamento del circuito di assistenza delle Sale Blu ci permette di essere ancora più vicini alle persone che ogni giorno viaggiano a bordo dei nostri treni e transitano per le nostre stazioni – ha dichiarato Gianfranco Battisti, AD e DG di FS Italiane. I viaggiatori e le loro esigenze sono al centro delle strategie e delle azioni del Gruppo FS Italiane e siamo a lavoro per raggiungere standard sempre più elevati di qualità ed efficienza”.

“L’impegno di Rete Ferroviaria Italiana in tema di accessibilità – ha dichiarato Maurizio Gentile, AD e DG di RFI – ha fatto sì che oggi siano 300 le stazioni, da Nord a Sud del Paese, che fanno parte del network delle Sale Blu nazionali. A questo servizio, di fondamentale importanza, si affianca il programma di interventi di natura strutturale e tecnologica che stiamo portando avanti nelle nostre stazioni per eliminare le barriere architettoniche e assicurare a tutti i viaggiatori autonomia negli spostamenti”.

Le 14 Sale Blu, che coordinano e gestiscono gli interventi, sono presenti nelle principali stazioni italiane (Ancona, Bari Centrale, Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella, Genova Principe, Messina Centrale, Milano Centrale, Napoli Centrale, Reggio Calabria Centrale, Roma Termini, Torino Porta Nuova, Trieste Centrale, Venezia Santa Lucia e Verona Porta Nuova), e sono aperte tutti i giorni dalle 6:45 alle 21:30.

Nella Lazio Roma Trastevere, Valle Aurelia, Monterotondo/Mentana e Maccarese/Fregene si aggiungono alle altre 22 stazioni già servite dalla Sala Blu di Roma Termini.

Da segnalare inoltre, lo scalo ferroviario di Fiumicino Aeroporto, dove – grazie all’accordo di collaborazione firmato con Aeroporti di Roma – i viaggiatori possono richiedere un servizio di assistenza integrato treno/aereo.

A partire dal 2011, anno di inizio delle attività per conto di RFI, i servizi erogati gratuitamente negli scali ferroviari appartenenti al network delle Sale Blu sono più che raddoppiati, passando dai 150mila ai circa 360mila forniti a fine 2018.

Di rilievo i servizi offerti quest’anno dalla Sala Blu di Roma Termini che ha fornito circa 60 mila interventi.

Raddoppiato negli ultimi 5 anni anche il numero delle stazioni fast, oggi 30, per cui è necessaria una sola ora di preavviso per la prenotazione del servizio. È in corso, inoltre, la fornitura di circa 400 nuovi carrelli elevatori per l’assistenza alle persone in carrozzina.

Le persone interessate al servizio possono prenotare inviando una mail ad una delle 14 Sale Blu nazionali, oppure telefonando al numero verde gratuito 800.90.60.60 (raggiungibile da telefono fisso) o al numero nazionale a tariffazione ordinaria 02.32.32.32 (raggiungibile da telefono fisso e mobile).

Grazie al portale Sala Blu on line è possibile richiedere assistenza direttamente dal web, con un preavviso minimo di 24 ore, risparmiando tempo, registrando i propri dati anagrafici, i contatti e le specifiche esigenze di viaggio. Maggiori informazioni sui servizi delle Sale Blu sono disponibili sul sito www.rfi.it.

Comunicato stampa – Firmato il protocollo d’intesa tra Abi e Fondazione LIA

Giornale UICI del 16-01-2019

Al via un progetto condiviso per rafforzare la cultura dell’accessibilità delle pubblicazioni nel settore bancario

Diffondere la cultura dell’accessibilità attraverso incontri periodici e promuovere iniziative formative e info-educative finalizzate a sensibilizzare i diversi interlocutori coinvolti: è questo l’obiettivo del protocollo d’intesa sottoscritto oggi da Fondazione LIA – Libri Italiani Accessibili e Associazione Bancaria Italiana (Abi). L’accordo è stato firmato alla presenza del presidente della Fondazione LIA, Mario Barbuto, e del vice direttore generale di Abi, Gianfranco Torriero. L’intesa si pone nell’ambito delle attività portate avanti da Abi per promuovere l’accessibilità in banca, secondo la logica della massima fruibilità di prodotti, canali, strumenti e servizi bancari da parte delle persone con disabilità visive, e delle iniziative sviluppate dalla Fondazione LIA per l’accessibilità nel settore editoriale.

Il progetto congiunto ha l’obiettivo di proporre dei momenti di approfondimento sul tema dell’accessibilità dei contenuti, delle produzioni editoriali e delle pubblicazioni anche digitali e sulle piattaforme web, da parte delle persone con disabilità visiva, in ottica di inclusione finanziaria e sociale. In particolare, l’intesa prevede la realizzazione di incontri di confronto con l’obiettivo di favorire lo scambio di informazioni e di esperienze tra Abi e Fondazione LIA sui temi dell’accessibilità editoriale, secondo la logica della massima fruibilità di prodotti, canali, strumenti e servizi bancari; e la promozione di iniziative formative e info-educative finalizzate a diffondere le informazioni e i temi emersi dal confronto.

L’iniziativa congiunta è in linea con la strategia avviata da Abi in materia di accessibilità e con quanto previsto dalla proposta di Direttiva della Commissione Europea di un “Atto Europeo sull’accessibilità” – il cui iter è in fase di conclusione – e si inserisce nel quadro dei progetti di formazione specifici promossi in questo ambito dalla Fondazione LIA – costituita dall’Associazione Italiana Editori (AIE) con la partecipazione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI).

Settimana relax, Campo Verde dal 16 al 23 GIUGNO 2019 (preadesioni entro il 15 febbraio 2019)

Con il comunicato n. 7/2019, la Sede Centrale UICI rende noto che dal 16 giugno al 23 giugno 2019, presso Campo Verde Village di San Cataldo di Lecce (www.campoverdevillage.it) con il patrocinio dell’UICI della Puglia, è stata programmata l’organizzazione di una settimana al mare denominata “SETTIMANA RELAX” aperta a tutti i soci UICI, loro accompagnatori, amici, famigliari e tutti coloro che vogliono partecipare e trascorrere una settimana in completo relax tra il verde e il cristallino mare del Salento, senza alcuna distinzione per favorire il processo di inclusione e aggregazione.

Il villaggio è ubicato a pochi passi dal mare, all’interno di una pineta di 8 ettari, prolungamento dell’oasi naturale delle Cesine riserva protetta dal WWF.

Tra i 350 e 650 metri dal villaggio, la bellissima spiaggia privata, con il mare cristallino dove si potrà godere di una distesa di sabbia dorata.

L’offerta del soggiorno a persona, valida sia per gli ospiti con disabilità visiva che per gli accompagnatori e tutti coloro che vogliono partecipare, prevede sette giorni in pensione completa con inizio dalla cena di domenica 16 giugno al pranzo della domenica del 23 giugno 2019 con un costo di 385,00 euro a persona per un numero minimo di 30 adesioni con invio della preadesione con dati anagrafici eventuali esigenze e numero di cell. entro il 15 febbraio 2019 all’indirizzo di posta elettronica pintogiuseppe1957@gmail.com e per l’accettazione delle preadesioni farà fede la data e ora di arrivo della mail.

La sistemazione sarà in appartamenti con uso matrimoniale, doppia, tripla, con supplemento di 25 euro al giorno a persona per la singola per un massimo di 4 appartamenti a uso singolo.

Per informazioni più dettagliate si rinvia alla consultazione del comunicato in oggetto, raggiungibile al seguente url:

Dal MIUR tutte le istruzioni per compilare l'Anagrafe nazionale degli alunni diversamente abili

Il Sole 24 Ore del 16-01-2019

ROMA. Il MIUR ha trasmesso a fine dicembre una nota con le procedure che le segreterie devono seguire per l'inserimento dei dati relativi agli studenti con disabilità all'interno dell'Anagrafe nazionale degli studenti. Questo perché il Dm 162/2016 ha previsto nella piattaforma Sidi uno spazio dedicato alla gestione dei dati relativi ai disabili frequentanti le scuole statali.

Tramite le nuove funzioni devono essere inserite tutte le informazioni indispensabili per la definizione delle procedure necessarie all'inclusione scolastica. L'insieme dei dati immessi costituir? un apposito fascicolo che segue l'alunno lungo tutto il suo percorso scolastico; quindi è necessario inserire dati relativi alle certificazioni di disabilità, alle diagnosi funzionali, al profilo dinamico funzionale e al piano educativo individualizzato.

Tutte queste informazioni saranno necessarie per mettere a sistema e accelerare la definizione degli organici di sostegno da parte degli uffici competenti passo fondamentale nel processo di semplificazione amministrativa.

Le segreterie avranno la facoltà di decidere se inserire solo i dati o caricare anche le copie scansionate delle certificazioni, comunque, prive degli elementi identificativi degli alunni con disabilità. Gli Uffici scolastici regionali potranno, però, richiedere il caricamento di tale documentazione per effettuare gli opportuni controlli.

Le scuole avranno tempo per l'inserimento dei dati entro la data di apertura delle funzioni di organico, al fine di consentire le conseguenti procedure da parte degli uffici periferici.

Il MIUR rassicura le segreterie: non ci saranno problemi di contenziosi con le famiglie poiché la procedura risponde pienamente alle disposizioni in materia di privacy nel trattamento dei dati (Gdpr).

di Laura Virli

mercoledì 16 gennaio 2019

Disabilità. L'azienda assume, l'INAIL paga: la novità nella legge di bilancio

Redattore Sociale del 16-01-2019

La normativa incrementa gli incentivi alle imprese che ricollocano lavoratori con disabilità dopo un infortunio: fino al 60% della retribuzione sarà rimborsata da INAIL. Si rafforza così il sostegno dell'istituto all'inserimento e reinserimento lavorativo.

ROMA. INAIL sostiene e favorisce il reinserimento dei lavoratori che, a seguito di un infortunio, hanno riportato una disabilità: una “mission” non nuova per l'istituto, che già ora destina fino a 150 mila euro di contributi alle aziende che favoriscono, con l'abbattimento delle barriere, la formazione e l'adeguamento delle postazioni, l'inserimento di soggetti con disabilità da lavoro. Ora però, con l'ultima legge di bilancio, questo impegno cresce ancora, con l'obiettivo di favorire sempre di più il ricollocamento di questi lavoratori: fino al 60% dello stipendio sarà infatti rimborsato alle aziende proprio da INAIL.

Requisiti indispensabili perché il rimorso sia erogato sono: primo, che il lavoratore abbia una disabilità da lavoro; secondo, che sia destinatario di un progetto di reinserimento mirato alla conservazione del posto di lavoro e che, alla cessazione dello stato di inabilità temporanea assoluta, non possa tornare al lavoro senza la realizzazione degli interventi individuati nell'ambito dello stesso progetto. Tale progetto – chiarisce la legge – può essere proposto dal datore di lavoro e deve essere approvato dall'INAIL.

Sempre per quanto riguarda il tema del ricollocamento di persone con disabilità, a partire dal 2019 anche INAIL potrà accedere al finanziamento del relativo assegno (decreto legislativo 150/2015), rilasciato alle persone con disabilità da lavoro in cerca di occupazione, secondo le modalità che saranno indicate in un decreto del ministero del Lavoro, che dovrebbe essere emanato entro un paio di mesi.